Tras-17-años-Yandel-estrena-Quién-Contra-Mí-2-su-sexto-álbum-de-estudio

Yandel pubblica Quién contra mí 2 in onore al suo primo album da solista

Yandel-pubblica- quién-contra-mí-2-in-onore-al-suo-primo-album-da-solista

Yandel rilascia Quién contra mí 2, un omaggio al suo primo album da solista Quién contra mí, risalente al 2003.

“Sono molto contento di questo progetto”, ha sottolineato con entusiasmo il cantante portoricano. “Per me è uno dei migliori dischi su cui io abbia mai lavorato”, ha detto a proposito del progetto nato durante l’isolamento a causa della crisi sanitaria causata da COVID-19.

Con qualcosa come 29 collaborazioni e 22 canzoni, oltre ad accontentare i suoi tantissimi fan questa mole di pezzi farà piacere anche al CEO di Spotify Daniel Ek, che in questi giorni ha scatenato non poche polemiche chiedendo in pratica agli artisti di essere più prolifici.

Confrontare questa novità reggaeton con la produzione che ha segnato il suo debutto come solista, con successi come Te suelto el pelo e Ya yo me cansé, è inevitabile.

Sono passati 17 anni da allora. “Questo album ha un suono molto 2020, e mi sembra molto pulito, molto forte. Penso che quando le persone lo ascolteranno lo riterranno un lavoro di qualità, per via anche del gran numero di ospiti che ci sono, un numero mai verificatosi prima”, ha detto in sostanza il noto reguetonero sopprannominato ‘La Leyenda’.

Quién contra mí 2 è il sesto album da solista di Yandel, uno dei più rucchi in assoluto in quanto a collaborazioni

No Te Vayas con J Balvin è la traccia di presentazione del full-lenght, uscito con un video diretto da Carlos Pérez della Elastic People.

“È una canzone che ho fatto pensando a ciò che sta accadendo in questa pandemia. Sai che non puoi più andare nei club, non puoi essere là janguendo (in portoricano significa con allegria, esuberanza), quindi è come se ti avessi messo il reggaeton nella tua stanza, ‘non andare’”, ha spiegato.

“J Balvin è uno dei colleghi con i quali ho una buona connessione. È una brava persona, molto professionale e ho un’ottima chimica con lui”, ha sottolineato ancora il musicista.

Tra le special guest figurano anche Il rapper Snoop Dog e il cantante Rubén Blades lo accompagnano nel singolo Fama, una traccia che lo riempie di un orgoglio molto particolare.

“È stato un sogno”, ha detto parlando del cantante panamense. “Mi sento come se avessi una medaglia d’onore. Non ha praticamente registrato con nessuno (del genere urbano). Un’impressione favorevole è arrivata anche da Snoop Dog. “Quando gli hanno inviato la canzone, lui rimase contento dicendo che conosceva già la mia musica.”

In Quién contra mí 2 c’è stato spazio per tutti. Dagli artisti della vecchia scuola, Arcángel, Farruko, Nicky Jam, Ñengo Flow e Zion & Lennox, a quelli della nuova Anuel AA, Ozuna, Lunay, Kevvo, Jay Wheeler, Nio García, Jhay Cortez, Myke Towers, El Alfa. Tra quest’ultimi figura Rauw Alejandro, che lo accompagna in una nuova versione di Dembow, risalente per l’appunto al 2003.

A completare l’elenco degli invitati troviamo Pedro Capó, Manuel Turizo, Maluma e la cantante Natti Natasha.

Ricordiamo inoltre che come solista questa è la sua sesta produzione. Tra i due album già citati troviamo De líder a leyenda (2013), Dangerous (2015), #Update (2017), e The One (2019).

A seguire Yandel – Quién contra mí 2:

 

Altre notizie su Yandel

Yandel torna a collaborare con i rapper americani in Lotto di Joyner Lucas

Yandel insegue con il suo nuovo reggaeton Espionaje un’inafferrabile Madison Anderson

Wisin & Yandel hanno pubblicato il reggaeton Ganas de ti con Sech

yandel-quien-contra-mi-reggaeton-italia